Cosa fare

  • COSA FARE A MONTEPULCIANO... SE HAI TRE ORE

    Con circa tre ore a disposizione, si può comunque prendere un aperitivo di Montepulciano, dandole un’occhiata molto veloce. Come un aperitivo, appunto, potrebbe stuzzicare la curiosità e lasciare nel visitatore una grande voglia di tornare per approfondire la conoscenza con tutto ciò che di bello e di buono la città ha da offrire. La spiegazione dettagliata degli itinerari “colorati” o numerati si trova nella sezione “itinerari nel Centro Storico”.

    ITINERARIO 1 – COLORE VERDE

    Per una visita di tre ore circa, suggeriamo un percorso a piedi che possa offrire una vista d’insieme al Centro Storico, in modo da potersi rendere conto dei monumenti principali, compresa qualche sosta – non meno interessante almeno ad una delle cantine monumentali. Ricordiamo, infatti, che Montepulciano è forse l’unica città al mondo ad avere delle cantine nel sottosuolo della città, e non solo nella campagna.

    Si può iniziare la visita dalla Porta al Prato, l’ingresso principale che si trova nella parte bassa del Centro. Raggiungibile in auto, servendosi di uno dei parcheggi della zona sottostante la Porta, o anche in autobus, sostando per la discesa nella Piazza S. Agnese.

    Varcata la Porta, si incontra il Corso Principale, la Via di Gracciano, uno splendido esempio di connubio tra valorizzazione della storia e la sua utilizzazione in centro commerciale naturale.

    Ecco già i primi monumenti e palazzi storici: la Colonna del Marzocco, con il leone, simbolo di Firenze; Palazzo Avignonesi; Palazzo Bucelli, con il basamento esterno incastonato di urne e iscrizioni etrusche e romane; la Chiesa di S. Agostino, che racchiude nella sua splendida facciata gli stili-simbolo (gotico e neo-classico) che contraddistinguono la città; e la caratteristica e particolare Torre di Pulcinella. Da qui, si inizia a salire fino alla Via di Voltaia, con il Caffè Poliziano, locale storico d’Italia, ed il Palazzo Cervini.

    Per rendere ancor più piacevole la passeggiata si può sostare in una delle tante piazzette che si aprono sulla veduta, magari gustando un buon gelato artigianale o, per chi lo preferisce, assaggiando i salumi ed i formaggi locali. Si consiglia anche di visitare una delle splendide cantine monumentali che sono ricavate nei sotterranei dei palazzi nobili, per degustare una delle eccellenze italiane nel mondo: il Vino Nobile di Montepulciano.

    Continuando lungo il Corso, poco prima della piazza principale, si incontra sulla sinistra la Porta delle Farine, con un bellissimo affaccio sulla Val di Chiana; nei pressi, c’è il palazzo che fu casa natale di Agnolo Poliziano. Salendo per la Via del Teatro, si arriva in Piazza Grande, con il suo elegante perimetro di palazzi e monumenti: la Cattedrale di Santa Maria Assunta, il Palazzo Comunale, e Palazzo Nobili Tarugi e Palazzo Contucci. La piazza è sede di eventi e rappresentazioni per tutta l’estate; il sagrato della Cattedrale è un suggestivo e grandissimo palcoscenico. Qui hanno vita gli spettacoli del Cantiere Internazionale d’arte (a Luglio); il teatro popolare del Bruscello (Agosto); le fasi finali del Bravìo delle Botti (ultima domenica di agosto); il caratteristico Mercatino di Natale (Novembre/Dicembre).

    Durante tutta la stagione estiva invece è possibile visitare la Torre del Palazzo Comunale, aperta da Marzo a Novembre. Il Palazzo è uno dei simboli di Montepulciano; e dalla terrazza si ha una prospettiva indimenticabile della città. Dalla cima della Torre, si può guardare tutto il panorama circostante con una vista a 360. Una visita breve non può che terminare in uno dei ristoranti tipici dove si assaggiano specialità locali e prodotti di stagione a Km zero.

  • COSA FARE A MONTEPULCIANO... SE HAI UN'INTERA GIORNATA

    Una giornata intera consente di approfondire un po’ la conoscenza con la città, facendo una piccola digressione anche fuori dalle mura per fare un salto fino al tempio di San Biagio (visita a pagamento), visitare con attenzione il Museo Civico Pinacoteca Crociani e addentrarsi dentro a un paio di cantine monumentali. La spiegazione dettagliata degli itinerari “colorati” o numerati si trova nella sezione “itinerari nel Centro Storico”.

    ITINERARIO 2 – COLORE VERDE, ARANCIO, GIALLO

    Per questo percorso a piedi, consigliamo di entrare in città attraverso Porta al Prato, seguendo le stesse indicazioni che trovate per l’ITINERARIO 1 fino all’arrivo in Piazza Grande.

    Dalla piazza si scende costeggiando il Palazzo del Capitano, antico presidio medievale, arrivando su Via Ricci, sede dell’omonimo Palazzo e della sua cantina monumentale.

    Sulla destra si incontra Palazzo Neri Orselli, con la facciata originale in stile gotico, che ospita il Museo Civico e Pinacoteca Crociani. Un museo del quale raccomandiamo fortemente la visita, perché consente di conoscere le origini di Montepulciano ed il suo percorso artistico nei secoli, in un affascinante itinerario che, partendo dalle origini etrusche e romane della città, comprende opere ecclesiastiche medievali, dipinti rinascimentali, fino ad arrivare alla collezione dei ritratti sei-settecentesca. Molto interessante è la sezione delle Terrecotte robbiane cinquecentesche.

    Ta le opere esposte, troviamo alcuni nomi di spicco come Margaritone d’Arezzo (S. Francesco, del XIII Sec.), Benvenuto di Giovanni (Natività su tavola), Antonio Bazzi, detto il Sodoma (Sacra Famiglia con S. Giovannino) e Andrea della Robbia.

    Sono anche presenti due opere di recente attribuzione: una S. Agnese, su tela, di Domenico Beccafumi; ed un ritratto di gentiluomo attribuito al Caravaggio.

    http://www.museocivicomontepulciano.it/it

    Da Via Ricci, lasciandosi alle spalle il nucleo del centro storico, si può scendere la Via di San Biagio per arrivare al Tempio omonimo (la visita è a pagamento). Esempio di stile ed eleganza rinascimentale, questa grande chiesa fu progettata da Antonio da Sangallo il Vecchio, e resta ancora oggi uno dei simboli della città.

    Il panorama che si gode dalla Chiesa è unico, con le colline della Val d’Orcia, il piccolo borgo di Montefollonico e la Val di Chiana.

    La zona di San Biagio è anche un perfetto punto di partenza per intraprendere altri itinerari da fare a piedi o in bici.

    Dalla Chiesa di San Biagio di può facilmente tornare al centro cittadino prendendo il bus navetta che fa servizio urbano. Ce n’è uno ogni ora e la fermata è proprio di fronte alla Chiesa (servizio non presente la mattina dei giorni festivi). Chi volesse tornare a piedi alla zona di Sant’Agnese, potrà prendere Via di Canneto. Il percorso, lungo circa 2 km., non presenta particolari difficoltà, salvo l’ultimo breve tratto in salita.

  • COSA FARE A MONTEPULCIANO... SE HAI UN PAIO DI GIORNI

    Un paio di giorni, meglio se sono tre o più, daranno modo di entrare in contatto non solo con la città, ma anche con i suoi abitanti. Oltre ad una visita approfondita a tutto ciò che Montepulciano può offrire – che è davvero tantissimo – si può anche partecipare ad un evento storico, o artistico, o enogastronomico. E poi magari fare una puntatina alla Riserva Naturale del Lago, o fermarsi per una sosta rigenerante alle Terme di Montepulciano. La spiegazione dettagliata degli itinerari “colorati” si trova nella sezione “itinerari nel Centro Storico”.

    ITINERARIO 3 – CENTRO STORICO E TERRITORIO

    Montepulciano non è solo Centro Storico, con la sua arte e architettura, ma è anche natura, ambiente e varietà di paesaggio. Questo è un territorio ricco di storia e di tradizioni nelle loro mille sfumature. Per questo motivo, una visita più lunga – oltre a quanto indicato nei due precedenti itinerari – deve comprendere anche qualche breve digressione fuori dalle mura, per esplorare e conoscere le mille e mille cose che il territorio può offrire. Un primo suggerimento riguarda il Lago di Montepulciano.

    Storicamente è il residuo della vasta palude che occupava l’intera Italia centrale; oggi è una importante Riserva Naturale che ospita specie vegetali e animali di grande interesse. Infatti, è stato classificato Sito di Importanza Comunitaria e Zona di Protezione Speciale.

    All’interno della Riserva si possono praticare molte attività: dal Bird Watching, alla gita in battello ecologico, alle passeggiate a piedi o in bicicletta (per gli appassionati di mountain bike da non perdere il Sentiero della Bonifica).

    http://www.amicilagodimontepulciano.it

    Per una giornata all’insegna del benessere consigliamo una visita alle Terme di Montepulciano. Sono a pochi chilometri dal centro, in direzione Chianciano Terme, in loc. Sant’Albino. Qui, oltre a diversi e numerosi tipi di cure, è possibile anche trovare qualche momento di vero benessere termale nella SPA, che oltre ad offrire trattamenti rigeneranti viso-corpo, in tempi recenti si è dotata anche di una suggestiva piscina (la Grotta Lunare).

    http://www.termedimontepulciano.it

    Per riportare a casa anche qualche gustoso ricordo, consigliamo anche una puntatina ad un’azienda agricola del territorio. Si può scegliere tra azienda vitivinicola, con visita all’area di produzione, alla cantina e una piacevole degustazione in loco; oppure un’azienda con prodotti a Km zero, con visita ad uno dei laboratori, che siano caseifici, frantoi o laboratori dove si producono salumi locali.

    Le aziende del territorio offrono visite guidate; alcune sono vere e proprie fattorie didattiche adatte per tutta la famiglia e, in ognuna di esse, il divertimento ed il gusto sono assicurati.

  • ITINERARI NEL CENTRO STORICO

    Itinerario 1 – colore VERDE
    1 Km c.a. – Difficoltà media
    Da Porta al Prato a Piazza Grande
    Dall’Ufficio Turistico Pro Loco (Piazza Don Minzoni) si percorre Viale Sangallo; entrando da Porta al Prato, si prosegue per Via di Gracciano nel Corso, Piazza delle Erbe, Via di Voltaia e Via dell’Opio per salire in Piazza Grande dalla Via del Teatro.
    Questo primo itinerario permette di visitare il Centro Storico partendo dalla Porta principale, posta  in basso, visitando palazzi, cantine e botteghe artigiane, percorrendo il corso per circa un chilometro e accedendo a Piazza Grande da Via del Teatro. Questa piazza è luogo di tantissime attività, circondata da palazzi storici, tra i quali la Cattedrale, e cantine monumentali.

     

    Itinerario 2 – colore BLU
    1.200 mt.  – Difficoltà: medio-alta
    Dal Parcheggio 5  (Autostazione) a Piazza Michelozzo (quindi, Piazza Grande)
    Dal Parcheggio 5 Autostazione si percorrono la Via delle Lettere, la Via di Gozzano e la Via di Borgo Buio per poi riprendere il Corso principale in Piazza Michelozzo e proseguire come da itinerario n. 1 (verde).
    Per i camperisti o i bus turistici, oltre alla via principale possiamo suggerire l’ingresso al paese dalla Via di Gozzano per poter coinvolgere anche la Via di Borgo Buio e fare così un percorso più breve.

     

    Itinerario 3 – Colore ARANCIONE
    300 mt.  –  Difficoltà: media
    Da Via dell’Oriolo a Piazza Grande
    DaVia dell’Oriolo, P7 sotto porta delle Farine (usata spesso come sosta Bus turistici), si percorrono la Via delle Farine, la Via del Poliziano e la Via di San Donato per raggiungere Piazza Grande.
    Il parcheggio 7, usato come sosta Bus Turistici, permette anche ai gruppi di raggiungere più velocemente la parte alta del Centro Storico e la Piazza usando la Via delle Farine o la scalinata che arriva in Via dell’Opio.
    Arrivando alla Piazzetta di Cagnano, ci sono poi due opzioni per salire in Piazza: Via del Teatro o  Via del Poliziano (quest’ultima luogo di monumenti, come la Chiesa di Santa Maria, e cantine  storiche).

     

    Itinerario 4 – Colore ROSA
    1 km – Difficoltà: semplice
    Da Piazza Grande a Piazza delle Erbe
    Da Piazza Grande si discende Via Ricci, quindi Via del Poggiolo, per arrivare in Piazza delle Erbe. Da qui si prosegue, scendendo, verso porta al Prato. Oppure si risale il corso (vedi itinerario verde) per tornare in Piazza Grande. In questo caso, la strada da percorrere diventa di complessivi 1.800 mt.
    Questo itinerario può essere utilizzato da chi è arrivato in Piazza da Via del Teatro o da Via del Poliziano per tornare alla Porta al Prato.
    La Via Ricci coinvolge un’area importantissima della città che ospita, tra le altre cose, il Museo Civico Pinacoteca Crociani, il Palazzo Ricci, la Biblioteca e varie attività commerciali.
    Scendendo Via Ricci si consiglia una sosta in Piazza San Francesco, bellissimo punto panoramico.

     

    Itinerario 5 – Colore Rosso
    650 mt. – Difficoltà: media
    Dal Parcheggio 8 a Piazza Grande
    650 mt. ca. – Difficoltà Media
    Si percorre una parte esterna al Centro, con un percorso panoramico dal quale si può ammirare dall’alto il Tempio di San Biagio e gettare uno sguardo sul paesino di Montefollonico.
    Questo itinerario permette di arrivare velocemente in Piazza Grande, consentendo di compiere una visita breve, rapida ma significativa al cuore monumentale di Montepulciano.

     

    Itinerario 6 – Colore Giallo
    1 Km – Difficoltà: assente
    Da Piazza Grande al Tempio di San Biagio
    Dalla Piazza, percorrendo Via Ricci e Via di San Biagio, si arriva al Tempio di San Biagio (1 Km ca).
    E’ un itinerario panoramico, che permette di raggiungere questa bellissima chiesa rinascimentale che si trova fuori dal centro storico.
    Da qui è poi possibile servirsi del Bus navetta per tornare alla stazione Bus o ai vari parcheggi fuori dalle mura.